Il Partito Animalista Italiano presenta denuncia per la morte di Mister, il cagnolino morto a Silla

Non si arresta l’ondata di indignazione e rabbia per la morte di Mister, il cagnolino ritrovato morto con un filo di corda da imballaggi legato al collo. Il Partito Animalista Italiano, guidato dal presidente e avvocato Cristiano Ceriello, ha presentato una denuncia contro ignoti per procedere con la ricerca dei responsabili, per i quali è stata emessa una taglia. Il Partito, inoltre, invita chiunque sappia qualcosa a fornire informazioni, anche in anonimato, al fine di rintracciare in tempi brevi coloro che hanno commesso questa barbarie.

Questo è solo uno dei tanti appelli che si sono susseguiti nei giorni seguenti al ritrovamento del cane, allontanatosi da casa agli inizi di agosto, sugli argini del fiume Tanagro a Silla di Sassano.

Domenico Rubino, sindaco di Sassano, aveva espresso la profonda tristezza provata di fronte a un gesto tanto vile e aveva invitato tutti i concittadini a fornire dettagli utili per denunciare chi ha commesso il fatto. Sulla stessa linea anche il consigliere regionale della Campania Tommaso Pellegrino aveva condannato il gesto, definendolo “scioccante e inaccettabile”. Per Pellegrino c’è la necessità di affrontare gli autori di gesti così orribili con la massima severità della legge e proprio per questo motivo si augura che in Parlamento si parli della necessità di rafforzare le leggi contro la crudeltà verso gli animali. A chiudere gli appelli contro tale brutalità era stata, in una lettera aperta, Enrica Ferricelli, delegata OIPA(Organizzazione Internazionale Protezione Animali). Ferricelli aveva evidenziato come quello di Mister non fosse un episodio sporadico, sono ancora molte infatti le uccisioni di animali (gatti, randagi, volpi) con ogni tipo di pratica.

 

In molti auspicano che per una volta vengano ritrovati i colpevoli e che venga applicata la pena, che secondo il codice penale, prevede il carcere per chi commette reati del genere.

 

                                     Danila Pia Casella

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *