A Rapolla la polizia ricorda la morte dell’agente Alfonso Passannante

A trentuno anni dalla sua prematura e tragica scomparsa, la Polizia di Stato ha ricordato l’Agente Scelto Alfonso Passannante – deceduto in servizio il 10 settembre 1992.  La cerimoniacommemorativa si è svolta presso il Cimitero di Rapolla dove, dinanzi alla tomba del Caduto situata nella cappella di famiglia, il Questore di Potenza Giuseppe Ferrari ha deposto la corona di alloro che il capo della Polizia ha fatto pervenire a testimonianza della sua vicinanza ai familiari. Alla commemorazione, svoltasi alla presenza dei familiari dell’ agente scomparso e di una rappresentanza del personale della Polizia di Stato, tra cui il Dirigente ed i colleghi del Commissariato di P.S. sono intervenuti anche il Viceprefetto Vicario Ester Fedullo, in rappresentanza del Prefetto di Potenza, il sindaco di Rapolla Biagio Cristofaro ed i rappresentanti delle altre Forze dell’Ordine. Ad onorare Passanante era, altresì, presente una rappresentanza dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato delle Sezioni di Potenza e Melfi, con il labaro ed i rappresentanti delle OO.SS. della Polizia di Stato. Anche l’amministrazione comunale di Rapolla ha voluto omaggiare il compianto concittadino con la deposizione di un cuscino di fiori.

Nel corso della cerimonia, il questore Ferrari ha ricordato la figura ed il sacrificio di  Alfonso Passannante, morto all’età di soli 29 anni per difendere quei valori di legalità e di giustizia in cui credeva e che lo avevano convinto ad entrare nella Polizia di Stato. In servizio presso il Commissariato di Melfi, durante un delicato servizio di polizia giudiziaria, la sera del 10 settembre 1992, impiegato, unitamente ad altri suoi colleghi in un servizio di controllo del territorio lungo la superstrada Potenza/Candela, Passannante veniva investito da un’autovettura, morendo per le ferite riportate. Lasciava la giovane moglie Rosa e due figli in tenera età, Agostino e Sebastiano, entrambi entrati a far parte della Polizia.

Danila Pia Casella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *