La rabbia dei tifosi a Sala Consilina per la carenza degli impianti sportivi. “Vergogna”

Pioggia di proteste e striscioni a Sala Consilina da parte del collettivo dei tifosi per la precarietà degli impianti sportivi che da tempo attanaglia il compure.  Pur se nel comune insistono società di alto livello e importanti categorie, nessuna compagine può giocare nei confini del comue stesso. Lo Sporting Sala Consilina che quest’anno giocherà in seria A, da due anni si è trasferito nel palazzetto dello sport di San Rufo. Medesima cosa ha fatto la Diesel tecnica che gioca in serie B di basket. Quest’anno la società voleva giocare, tornare a farlo, al PalaZingaro, ma la struttura non è in grado di ospitare campionato di tali livello. Resta il calcio a 11. Sala Consilina giocherà in Prima categoria e anche in questo caso la struttura è comunque sempre in divenire. La tribuna è stata riaperta dopo tempo ma restano diversi lavori in essere. Per questi motivi ecco i tanti striscioni apparsi in tutto il comune. Basti pensare che alcune squadre giovanili sono costrette ad allenarsi in altri paesi.

Sala Consilina si è così svegliata nuovamente tappezzata di striscioni ma stavolta la crisi riguarda lo sport. Il “Collettivo 84036”, che da tempo supporta le squadre della cittadina, ha espresso tutto il suo disappunto nei confronti dell’amministrazione comunale.
“Vergogna, tante parole ma pochi fatti, siamo stanchi dei vostri misfatti. Sala siamo noi!” Queste sono alcune delle parole rivolte all’amministrazione comunale da parte del collettivo che chiede “rispetto per la propria passione”.
Tatjana Chirichella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *