Covid: tornano obbligatorie le mascherine negli ospedali campani

Torna l’obbligo di indossare le mascherine negli ospedali campani. In seguito all’incremento del numero di casi Covid nelle degenze ordinarie registati nell’ultimo periodo la Regione Campania ha deciso di adottare la misura della mascherina di protezione obbligatoria per chi lavora, per i pazienti e i visitatori di strutture socio-sanitarie, socio-assistenziali, di lungodegenza, riabilitative, strutture residenziali per anziani o persone non autosufficienti, ambulatori e aree assistenziali dei distretti sanitari di base. Sono esclusi dall’obbligo della mascherina i bambini che abbiano meno di 6 anni e le persone con patologie o disabilità incompatibili con la mascherina. C’è anche l’obbligo di eseguire il tampone diagnostico per il covid a chi entra nel pronto soccorso ed è affetto da stato febbrile e sintomatologie delle vie respiratorie. Il tampone è invece sempre necessario per i pazienti che sono stati al Pronto Soccorso e siano poi ricoverati in reparti degli ospedali e per i parenti che accedono alle strutture sanitarie per visitare i pazienti.

“I numeri del covid restano ampiamente gestibili oggi, c’è un lieve aumento nelle degenze ordinarie, ma assolutamente restiamo a zero per la terapie intensiva”, rassicura Antonio Postiglione, direttore generale per la tutela della salute e coordinatore del sistema sanitario della Campania, il quale spiega la misura adottata dalla Regione come uno strumento di tutela della comunità da un possibile contagio.

Giovanna De Luca

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    ….ci risiamo ed oggi con questa generazione al potere composta da idioti superuomini fascisti andrà anche peggio perchè negazionisti ed ignoranti. Ma temo ci sia anche il disegno, già in parte attuato e realizzato , di liberarsi di altre migliaia di anziani, deboli e malati per pagare meno pensioni, che poi detto in chiare lettere , danno da campare ai tanti nullafacenti mantenuti a bonus ed elemosine da questo schifo di politica fascista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *