Allarme femminicidi, l’Associazione Differenza Donna lancia una raccolta fondi insieme a Una Nessuna e Centomila

Un altro femminicidio. Ad oggi sono 81 le donne uccise dai propri compagni, mariti, ex mariti. Di qualche ora fa la notizia dell’ennesima donna bruciata dal compagno. Solo una settimana fa un altro femminicidio aveva sconvolto la ben più vicina comunità salernitana con l’assassinio di Maria Rosaria Troisi per mano del suo compagno, a Battipaglia.

E solo di qualche giorno fa sono le parole del consigliere Vincenzo Clemente, che durante la fiaccolata in memoria di Maria Rosaria Troisi, aveva, invece, parlato dell’omicida, reo confesso di aver accoltellato la moglie dopo aver fatto allontanare di casa i due figli minorenni, presentandolo come “un bravo ragazzo” e chiedendo non trasformare l’omicida in un “mostro”, invitando alla comprensione per un uomo che non ha avuto scrupoli nell’ammazzare. Parole che sono state immediatamente e duramente condannate dall’Associazione Differenza Donna che da anni combatte il fenomeno della violenza di genere attraverso una incessante battaglia di abolizione della cultura patriarcale, grazie al lavoro costante dei suoi numerosi centri antiviolenza sparsi su tutto il territorio. Ma le parole di scusa del consigliere non sono bastate a risarcire la forte indignazione che delle simili affermazioni hanno sollevato, ancor più perchè provenienti da una persona che riveste un ruolo istituzionale.

Per questo, l’Ass. Differenza Donna, che serve anche tutti i paesi valdianesi e non, rientranti nel Consorzio Sociale – Ambito S10 – attraverso l’attività del Centro Antiviolenza Aretusa, sito ad Atena Lucana, per combattere gli stereotipi di sessismo e mancato riconoscimento della dignità delle vittime, che continuano ad essere alimentati in ogni strato della società, ha promosso una campagna di raccolta fondi insieme alla Fondazione Una Nessuna e Centomila. Da domenica 24 fino al sabato 30 sarà possibile donare attraverso il numero di telefono dedicato 45586, a sostegno dei centri antiviolenza italiani e sensibilizzare contro il fenomeno della violenza di genere.

Tanti gli artisti nazionali che hanno prestato la loro immagine a sostegno di un cambiamento sentito oggi più che mai come urgente e necessario.

Ad oggi Differenza Donna ha sostenuto con i suoi progetti in Italia e nel mondo oltre 60.000 donne e 85.000 bambine e bambini in uscita dalla violenza.
Attuale gestore del 1522 numero nazionale antiviolenza e stalking della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità, accreditata alle Nazioni Unite e al Ministero dell’Interno per il supporto ai casi di violenza contro le donne e lavora incessantemente per prevenire la violenza tramite interventi formativi e di sensibilizzazione, per accogliere le donne, le bambine e i bambini e per perseguire gli uomini che compiono violazioni dei diritti umani così importanti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *