Si è ufficialmente insediato Francesco Esposito, il nuovo Prefetto di Salerno

Il nuovo Prefetto di Salerno, Francesco Esposito, si è insediato ufficialmente nel Palazzo del Governo e si è presentato alla stampa. Il programma del neo Prefetto prevede: un rafforzamento della rete dei rapporti che coinvolga tutti, dalle associazioni, ai sindacati al mondo del volontariato; un lavoro di attenta prevenzione alla criminalità organizzata; la lotta al degrado sociale e al disagio giovanile; e dei progetti per l’integrazione degli immigrati.

“Rivolgerò grande attenzione non solo al capoluogo ma a tutta la provincia. Quello salernitano è un territorio complesso ma ricco di spunti. – afferma Esposito – Girerò molto ed aprirò la prefettura all’esterno anche attraverso la costruzione di un rapporto costante con le amministrazioni comunali, che rappresenterà il fulcro della nostra attività. In questo senso ho avuto già modo di interloquire con il sindaco Napoli ed il governatore della regione De Luca. Valorizzeremo quanto di buono è stato già fatto. L’aspetto primario è rappresentato dal contrasto della criminalità organizzata, soprattutto in relazione all’utilizzo dei fondi del Pnrr. Fondamentale, in questo senso, sarà avere presidi di legalità che possano garantire sicurezza. Per quel che concerne la microcriminalità è necessario creare una rete di videosorveglianza integrata che possa aiutare il lavoro degli investigatori nell’attività di indagine “. Infine, esprime un commento anche sul disagio giovanile sostenendo che “bisogna intervenire sui modelli culturali che troppo spesso non sono positivi” e sulla questione migranti: “Qui esiste già un sistema di accoglienza che ha funzionato molto bene. Questo perché vi è una grande rete fra istituzioni ed enti del terzo settore. Dopo questo step dovremmo capire che fine fanno le persone che sbarcano. Per questo sono necessari processi di integrazione che possano permettere loro di non sentirsi soli”.

Tatjana Chirichella

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *