Non ce l’ha fatta “Everest”, il cagnolino lanciato da un’auto a Montesano sulla Marcellana

Le brutte notizie che riguardano gli amici animali sembrano aumentare sempre di più in questi giorni.

Un aggiornamento Facebook sulla pagina dall’associazione Qua La Zampa Effe fa sapere che non ce l’ha fatta il piccolo Everest, il cagnolino che era stato lanciato da un auto in corsa a Montesano sulla Marcellana. Il cagnolino, aveva riportato una grave frattura sulla testa che sembrava essere un bernoccolo ma era stato preso in cura da una clinica veterinaria e molte erano le richieste di adozione. Nonostante le cure ricevute però, il cucciolo è purtroppo deceduto, lasciando amarezza e rabbia in tutti coloro che si erano affezionati alla sua storia e alla sua tenerezza.

Oltre a questa triste notizia, l’associazione OIPA del Vallo di Diano, in un post Facebook, ha denunciato un altro episodio di violenza nei confronti di un cane randagio che vagava per le strade di Sala Consilina. Il cagnolino, conosciuto dalle persone della zona come un cane amichevole e docile, è stato ucciso da due cani padronali che erano stati lasciati incustoditi. I padroni dei cani, pare due Cani Lupo Cecoslovacco, erano stati più volte incoraggiati a tenere ben custoditi gli animali, probabilmente proprio a causa della loro indole aggressiva, ma, dato il triste epilogo della storia a nulla sono serviti i numerosi richiami. L’associazione OIPA chiede a gran voce che venga resa giustizia al povero cane randagio diffondendo l’hashtag #NessunoTocchiIRandagi.

Nonostante queste notizie lascino con l’amaro in bocca, le associazioni animaliste ricordano che ci sono ancora tanti, troppi, cuccioli che hanno bisogno di una casa e di amore, e invitano chi ha le possibilità a non comprare ma adottare.

 

Ylenia Trotta 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *