A oltre un mese dalla scomparsa da Moliterno è ancora avvolto nel mistero il destino di Rocco Iacovino

A distanza di oltre un mese , ancora senza esito le ricerche di Rocco Iacovino, l’ottantenne di Moliterno scomparso a metà ottobre.

L’uomo – ricordiamo – si era avventurato nei boschi della zona, tra contrada Sorgituro e località Papa Nicola, probabilmente per raggiungere un’abitazione di campagna di sua proprietà e raccogliere castagne. Ma in serata non era rientrato a casa, facendo scattare l’allarme. La sua auto è stata trovata dal figlio, a ridosso di un un bosco. All’interno, nulla che possa indirizzare i soccorritori. L’anziano avrebbe con sé anche un cellulare, che però risulta spento. L’ipotesi a distanza di un mese è che sia caduto in quale zona impervia dell’area e quindi vittima di un incidente anche se trapela che gli inquirenti hanno e stanno valutando  anche ulteriori piste oltre a quella dell’incidente.

La zona è stata battuta dalle squadre di ricerca di carabinieri, vigili del fuoco, polizia locale, soccorso alpino e speleologico e protezione civile, anche con l’utilizzo di droni dotati di termocamera e un cane molecolare ma senza esito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *