Anagrafe canina: nuove disposizioni in Campania da gennaio

Nelle scorse settimane sono state rese note le nuove linee guida per la registrazione dei cani in Campania. Le nuove regole, che hanno come scopo quello di consentire una tracciabilità dei cani per prevenire il randagismo, entreranno in vigore a partire dal 10 gennaio 2024. A partire da quella data chi non ha registrato il proprio animale domestico all’anagrafe canina o ha acquistato un cane senza microchip è a rischio sanzioni. Il microchip, infatti, è obbligatorio per legge e va inserito entro 30 giorni dalla nascita o entro i 15 giorni dal possesso dell’animale, per chi non rispetta l’obbligo è prevista una multa che va dai 100 ai 600 euro.

L’Associazione Qua La Zampa Effe, attiva nel Vallo di Diano, ricorda che non sarà più possibile aderire volontariamente all’anagrafe canina e invita tutti a mettere in regola i propri cani per non incorrere in sanzioni. Per chiunque si recherà presso una struttura veterinaria privata e non fornirà gli elementi di tracciabilità previsti (il codice fiscale del proprietario, il microchip, la data di nascita della madre), il veterinario provvederà ad applicare il microchip al cane e a fare richiesta di iscrizione all’anagrafe. La registrazione sarà poi completata dall’ASL dopo l’applicazione delle sanzioni previste. Varrà lo stesso discorso per i cani randagi che dovranno prima essere accalappiati, poi portati in canile, dove saranno microchippati, e in seguito potranno essere considerati idonei all’adozione. Per quanto riguarda i cani acquistati, invece, dovranno essere già provvisti di microchip al momento dell’acquisto perché è obbligatorio per legge.

Danila Pia Casella

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *