Esodo per le festività natalizie: previsto traffico intenso sull’A2 del Mediterraneo

In previsione dell’aumento dei flussi veicolari dovuti agli spostamenti dei vacanzieri, l’ Anas, per facilitare la circolazione sulla propria rete stradale e autostradale, ha deciso di rimuovere da oggi fino all’8 gennaio prossimo 171 cantieri. L’obiettivo è quello di offrire in occasione delle festività natalizie un viaggio più confortevole e sicuro non solo per spostamenti di breve e medio ma anche di lungo raggio.

“Come per l’esodo estivo – ha spiegato l’Amministratore Delegato di Anas, Aldo Isi – anche nel periodo delle festività natalizie siamo impegnati a garantire una circolazione più fluida e scorrevole. È sempre operativo, come previsto dal nostro piano neve, il presidio delle squadre Anas h24 per monitorare la rete stradale e intervenire subito in caso di condizioni meteorologiche avverse e intense precipitazioni nevose”.

Nei prossimi giorni su tutto il territorio nazionale è prevista una crescita del traffico di circa il 20%. Si stima che oltre 6,5 milioni di persone si metteranno in viaggio sulle strade e autostrade Anas. La A2 “Autostrada del Mediterraneo” sarà molto trafficata per il rientro e la ripartenza dei fuori sede con una crescita, nell’arco di questa settimana, dal +50% al +70% fino a un raddoppio del traffico nei giorni di oggi venerdì 22 e domani sabato 23, veri e propri giorni di esodo con traffici paragonabili alle punte estive. La crescita riprenderà sabato 30 dicembre con un + 20% e poi gradualmente fino a toccare punte del +25% di venerdì 5 gennaio, +30% di sabato 6 e + 50% di domenica 7.

Domenica 24, lunedì 25 e martedì 26 dicembre è prevista la sospensione dei mezzi pesanti dalle ore 9:00 alle ore 22:00.

Anas sarà presente sulle strade italiane con 2.425 risorse in turnazione,  come personale tecnico e di esercizio, più 200 unità delle Sale Operative Territoriali e della Sala Situazioni Nazionale, per assicurare il monitoraggio del traffico in tempo reale h24.

Giovanna De Luca

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *