La Campania è regione pilota per il progetto europeo di formazione riservato ai NEET

“Con questo progetto stiamo avviando una rivoluzione in Campania” sono le parole dell’assessore alla Formazione della Regione Campania, Armida Filippelli presente stamane alla firma del protocollo di collaborazione tra la Regione Campania e FMTS Group, vincitore del bando europeo, rappresentato dal presidente Giuseppe Melara e dall’amministratore delegato Valentino Villecco.

La Campania è infatti la regione che in via sperimentale attuerà il programma di formazione per il lavoro messo a punto da FMTS Group, volto a sostenere i NEET, i giovani che né lavorano né studiano, dando inizio ad un progetto di grandissima rilevanza che agisce su questo gruppo di ragazzi, per dare loro una formazione e una motivazione al mondo del lavoro.

Dal 2 febbraio il progetto diventerà operativo con l’apertura delle candidature, le selezioni saranno a cura di FMTS Lavoro e finalmente prenderanno il via anche i corsi che saranno strutturati con un piano didattico mirato che prevede 3 step fondamentali: orientamento, counselling e formazione al lavoro, di due specifici profili professionali: cuochi e pizzaioli, ad ospitare i corsisti sarà “In Cibum” la Scuola di Alta Formazione Gastronomica.

Il progetto che mira a dare un’occasione di formazione per il lavoro ai giovani, prevede due mesi di formazione in aula e poi in estate il piano di work experience da attuare in Spagna o Francia ed infine un Recruiting Day durante il quale ai candidati viene offerta la possibilità di avere un colloquio di lavoro con trenta aziende del settore.

“Il fenomeno dei Neet pesa sul mercato del lavoro italiano in modo consistente” ha dichiarato Giuseppe Melara, presidente di FMTS Group, “le casistiche dicono che purtroppo è molto diffuso tra i giovani, le donne, gli stranieri e in particolare nelle regioni Meridionali, oggi però la Campania ha l’occasione di determinare quel cambio di rotta che si attende da tanto”.

Emanuela Collazzo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *