Basket, Serie D: la Diesel Tecnica ritrova punti e fiducia in casa della Pro Cangiani. Sabato la partitissima contro il Basket Club Irpinia

 

 

Era ciò che ci voleva per ripartire dopo un periodo fitto di dubbi e difficoltà. La Diesel Tecnica Pallacanestro Trinità supera il temuto ostacolo Pro Cangiani (62-72 il finale per i bianco-azzurri) e si rilancia nella corsa al posto d’onore della griglia play-off, approfittando anche della pesante sconfitta interna dello Sporting Portici contro la Pallacanestro Afragola. Il quintetto bianco-azzurro si è impadronito della consolle dei comandi fin dalla partenza: Ambrosano e Campaiola aggirano la difesa individuale schierata dal coach dei partenopei, Fabio Falvo, addentrandosi sistematicamente nell’area colorata. Neppure la scelta di passare a zona frena la produzione offensiva di Trinità, che rispolvera il tiro pesante venuto meno contro la Sammaritana. Prima Capaccio, poi Ambrosano (miglior realizzatore in assoluto con 31 punti) decidono che è il momento di scappare: Pro Cangiani a -8 dopo i primi 10′ (13-21), nonostante una tripla in dirittura d’arrivo di Scarano. Per quanto i napoletani si sforzino di scardinare l’area avversaria con Brancaccio, la Diesel Tecnica amministra il gioco sui 28 metri con l’usuale rapidità d’esecuzione che agevola il compito dei lunghi – con Ambrosano nelle vesti di mattatore – così come degli esterni (Durante, Capaccio). Viene in soccorso anche la panchina: Amedeo Norci si distingue sia per l’apporto nella metà campo difensiva, sia per la precisione al tiro. 16 punti e miglior prestazione in campionato per l’ex Basket Bellizzi, che chiude il primo tempo con la tripla del +9 (28-37). A questo punto dell’incontro, la Polisportiva Pro Cangiani decide di concentrare i suoi sforzi sulla circolazione di palla per muovere la difesa dei salernitani ed ampliare il raggio di tiro, ma la precisione assiste solo Pastore (18 punti per il play napoletano). Di contro, la Diesel Tecnica riprende a presidiare l’area: se Gianluca Campaiola si destreggia brillantemente a rimbalzo, Norci ed Ambrosano scuotono a ripetizione la retina. Motore a pieni giri anche in transizione: Botta, Capaccio e Cusumano portano la squadra allenata da Gennaro Durante e Giuseppe Aumenta oltre la soglia della singola cifra di vantaggio (44-55 dopo tre quarti di viaggio). Sul punto di arrendersi, la Pro Cangiani torna nella scia dei battistrada: le triple di Pastore, unite alla difesa insolitamente efficace sui portatori di palla salesi, riportano quasi a galla i padroni di casa. Due punti di scarto appena, finale da batticuore. La Diesel Tecnica ha però il merito di non lasciarsi soggiogare dalle paure: prima Sorrentino ed Ambrosano, poi Norci dai 6.75 scrivono l’ultima riga del racconto. Penultimo turno della stagione regolare anticipato al sabato per volere della Federazione campana: Diesel Tecnica in campo al Palazingaro contro l’insaziabile Basket Club Irpinia di coach Iannaccone che, nonostante il primo posto al sicuro da settimane, ha impartito una severa lezione al Basket Volla, altra cliente abituale dell’alta classifica del girone A. La prova più dura per scoprirsi davvero grandi.

Testo di carmine Marino

 

Notizia letta 142 volte

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>