Camorra: la DIA sequestra beni mobili ed immobili ad un affiliato, originario di Padula, del clan Maiale.

La DIA di Salerno ha eseguito un decreto di sequestro anticipatorio a firma del Presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Salerno nei confronti di un 58enne originario di Padula, ma da tempo residente a Sala Consilina, emesso a seguito di una proposta di applicazione della misura di prevenzione di carattere personale e patrimoniale avanzata d’iniziativa dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia. Il gruppo criminale nel cui ambito è organico il 58enne, è quello facente capo al pluripregiudicato MAIALE Giovanni, radicato in Eboli e Battipaglia, ma attivo nell’intero comprensorio territoriale della Piana del Sele e del Cilento. Lo scorso gennaio l’uomo era stato colpito da un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Lagonegro per il reato di “usura aggravata e continuata” nei confronti di commercianti e professionisti del Lagonegrese, Alto Tirreno Cosentino e Vallo di Diano, per la quale si trova attualmente detenuto nel carcere di Fuorni.Le indagini bancarie e patrimoniali condotte dagli uomini della D.I.A. salernitana, hanno evidenziato la sproporzione tra i redditi dichiarati e la consistenza dei beni mobili ed immobili nonché disponibilità finanziarie riferibili direttamente o indirettamente al proposto acquisite nel tempo con i proventi dell’illecita attività.In ragione di ciò sono stati sottoposti a sequestro tre appartamenti ed un’autovettura di lusso tipo PORSCHE, per un valore complessivo stimato in quasi 500.000,00 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#