Il sistema scolastico Islandese e gli scambi interculturali nei futuri progetti dell’ IIS “Cicerone”

Il poeta Leopardi nel “Dialogo della natura e di un islandese” descrive l’inesorabile presenza della Natura per nulla benevola con la quale un pellegrino islandese deve fare i conti, un  ambiente impervio, bianco di neve e dalla terra nera di lava, che risulta in netto contrasto con l’accoglienza, la vitalità e i colori delle strutture, “ultra fantastiche”, di cui gli ambienti pubblici (e delle scuole) sono dotati. Durante la visita del college saltano subito all’occhio, spazi ordinati e di grande operatività.

29356182_1632240823496370_245904747113010795_n 29342522_1630807870306332_3253373579760188975_n

Il docente Paolo Turchi, di storia della cultura occidentale, originario di Ancona e residente in Islanda dal 1987, ci riferisce che l’apprendimento avviene secondo una didattica laboratoriale, in cui l’alunno si forma secondo il principio dell’individualizzazione e della creatività,  a scuola conta lo star bene: “well-being”, basato totalmente sulla informatizzazione, le lingue straniere sono obbligatorie, in ordine d’importanza, subito dopo la lingua madre, il danese e l’inglese. L’apprendimento avviene in un clima di assoluta serenità dove durante la giornata, sia docenti che studenti possono partecipare a break di relax, come sedute di rilassamento e yoga. Le ore di attività sportiva alla settimana sono quattro. Le lezioni hanno inizio alle 8,30 e terminano alle 17.00 dal lunedì al venerdì, l’anno scolastico inizia a metà agosto e si conclude a metà Maggio.

29313811_1631912196862566_5469564417384315926_n 29249101_1629728013747651_8406411230530390108_n

Il sistema scolastico islandese osservato da vicino grazie alla visita effettuata presso uno dei college  di  Reykjavik , (Fjolbraut I Breidholti) dove ai nostri microfoni abbiamo ascoltato il prof. Paolo Turchi docente di storia della cultura occidentale, originario di Ancona, residente in Islanda dal 1987, e lo studente Omar Shamsudin, ospite, qualche anno fa, a Sala Consilina presso la famiglia Carrozza, tramite l’Afs Intercultura centro locale Vallo di Diano, presieduto dalla proff. ssa Ofelia Di Candia.

Dalle parole di Omar si evince che gli scambi  interculturali con l’estero risultano di fondamentale importanza e incontrano il parere favorevole della dirigente proff.ssa Maria Rosaria Ippolito, dell’Istituto “ Cicerone”di Sala Consilina, considerandoli come un opportunità di crescita  e di arricchimento personale per studenti e docenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#