“Patto dell’Amicizia” in nome di San Ciro tra Atena Lucana, Grottaglie, Marineo e Portici

Si è svolta ieri ad Atena Lucana, alla presenza del vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro Antonio De Luca e dell’assessore al turismo della Regione Campania, Corrado Matera, la cerimonia della firma del “Patto di Amicizia” tra i comuni di Grottaglie, in provincia di Taranto, Marineo nel Palermitano, Portici e Atena Lucana accomunati dalla devozione nel Santo medico eremita e martire San Ciro d’Alessandria. Un’iniziativa, fortemente voluta dall’amministrazione Vertucci, volta a rafforzare il legame tra comunità lontane geograficamente ma unite nella fede e nella devozione al santo alessandrino. Il “Patto di Amicizia” nasce nel tentativo di instaurare una proficua collaborazione ed uno scambio interistituzionale e culturale che punti alla promozione turistica, allo sviluppo sociale ed economico.

“Nella diversità delle tradizioni culturali che contraddistinguono i territori che rappresentiamo – sottolinea il sindaco di Atena Lucana Luigi Vertucci – questa giornata deve rappresentare un’occasione di crescita culturale e perché no economica, con l’augurio che possa generare circuiti virtuosi di promozione turistica e culturale”. La cerimonia della “Firma del Patto di Amicizia”, svoltasi, sul sagrato del Santuario di San Ciro alla fine della Santa messa solenne presieduta dal vescovo Antonio De Luca, è stato il suggello di una serie di iniziative ed eventi promossi dall’Amministrazione comunale realizzati in collaborazione con la Parrocchia di Santa Maria Maggiore e con il Comitato Feste in occasione dei festeggiamenti del Santo protettore di Atena Lucana, San Ciro. L’Amministrazione Vertucci ha infatti inteso sostenere gli sforzi della comunità religiosa e civile di Atena Lucana nell’organizzazione dei festeggiamenti in onore di San Ciro proponendo un programma di attività, come il convegno di Domenica 12, il concerto di Piera Lombardi, il Patto di Amicizia e la Fiera delle tipicità, volte alla valorizzazione e alla promozione delle tradizioni, delle culture agro-alimentari, del patrimonio-artistico e quindi degli elementi identitari della comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#