“Il fiume Tanagro tra difesa del suolo e valorizzazione ambientale”, venerdì il Focus del Consorzio di Bonifica

Negli ultimi anni sono stati diversi gli episodi che hanno confermato come, anche e soprattutto a causa delle mutate condizioni climatiche, il rischio esondazione del Tanagro è sempre dietro l’angolo. Resta quindi fondamentale la realizzazione effettiva del “Progetto Definitivo” per la messa in sicurezza del Tanagro: anche se la sorte “climatica” è stata fino ad ora benevola, evitando i cataclismi che abbiamo visto in altre regioni Italiane, non significa che la fortuna sia destinata a durare in eterno, ed il rischio di danni irreversibili a persone e cose è dietro l’angolo. Di questo e di molto altro, in particolare del Tanagro anche come risorsa ambientale e di sviluppo, si parlerà nel corso del convegno dal titolo: “Il fiume Tanagro tra difesa del suolo e valorizzazione ambientale”. Il seminario è stato organizzato a Sala Consilina dal Consorzio di Bonifica Vallo di Diano – Tanagro per venerdì 21 giugno, con inizio alle ore 15.30 nell’aula magna delle scuole elementari di Via Matteotti.  “La gestione dei corsi d’acqua naturali -fanno sapere gli organizzatori- è un tema di particolare interesse per le popolazioni e i territori dell’intera regione. Tematiche idrauliche si intersecano con aspetti ambientali, turistici e quindi economici, ma molto spesso anche con aspetti amministrativi e di gestione di risorse.

La chiarezza in termini di ruoli e responsabilità spesso appare lontana dalle esigenze di chi a vario titolo ha competenze concorrenti nel campo della difesa del suolo. Il Fiume è un elemento vivo di un territorio, è spesso fonte di preoccupazioni e oggetto di aggressioni ingiustificate e miopi, ma può essere anche punto di forza in un processo che coniugando le esigenze di sicurezza con la tutela della biodiversità offra condizioni per uno sviluppo consapevole e nuovo in particolare per i territori delle aree interne. È con questi obiettivi ed aspirazioni che sono lieto di invitarvi al seminario tecnico voluto dall’Amministrazione Consortile quale ulteriore elemento per un rinnovato impegno per la cura dei corsi d’acqua”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#