Il regista salese Giuseppe Bonito firma la regia de “L’Arminuta”

Sarà  Giuseppe Bonito, regista di Sala Consilina a firmare la regia di “L’Arminuta”, romanzo di Donatella Di Pietrantonio che si appresta a diventare un film . Giuseppe Bonito, dopo il grande successo di “Pulce non c’è”, torna nelle sale cinematografiche dirigendo dunque quello che si preannuncia un vero e proprio capolavoro. Sono infatti già 170mila le copie vendute del romanzo della Di Pietrantonio che è in corso di traduzione in ben 14 paesi. La storia di una ragazzina soprannominata l’Arminuta appunto, in dialetto abruzzese “la ritornata”, che presto scoprirà di non essere figlia di quelli che credeva i suoi genitori. ” Una storia ambientata in un paese dell’Abruzzo degli anni 70, spiega il regista Giuseppe Bonito, che mi ha subito folgorato. Il tema dell’abbandono che questo romanzo affronta, ha fatto leva su di me e sulla mia idea di film, portandomi ad immaginare immediatamente una sceneggiatura.

giuseppe bonito

Il romanzo, continua Bonito,  sta avendo un ottimo riscontro di pubblico e io, insieme alle 2 sceneggiatrici, la stessa Donatella Di Pietrantonio e Monica Zapelli, già con me in “Pulce non c’è”, stiamo lavorando alla scrittura di questo film che andrà in produzione tra l’autunno e l’inverno prossimo”. Ancora prematuro dunque parlare di cast, così come afferma lo stesso regista salese che però si dice entusiasta del lavoro che sta portando avanti. “Racconteremo, così come previsto dal romanzo, dice Giuseppe Bonito, 2 realtà diverse; quella borghese in cui la protagonista vive all’inizio del film, e quella umile e ben più povera, assolutamente antitetica, in cui viene a trovarsi quando scopre le sue vere origini. Tanti sono i copioni e i testi che in questi anni subito dopo “Pulce non c’è” mi sono stati sottoposti, termina Bonito, ma nessuno mi ha mai colpito… il romanzo della Di Pietrantonio invece mi ha letteralmente folgorato”.

 

 

 

Notizia letta 205 volte

Potrebbe piacerti anche ...

1 Response

  1. Rocco Panetta scrive:

    Speriamo che questa volta l’Amministrazione comunale salese premi, pubblicamente, il regista cinematografico n.1 della provincia di Salerno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>